Have an account? Sign In or Sign up

Join
Winemonitor

Import nei BRIC a due velocità

Cina sugli “scudi”, Russia e Brasile in apnea, India ancora con un ruolo marginale. Questa la fotografia scattata da Wine Monitor in un Report dedicato alle importazioni di vino nei BRIC dove emerge un'Italia che fa meglio dei competitor in Cina ma che vede diminuire la propria quota di mercato in Russia e Brasile.

In uno scenario di mercato globale dove si alternano luci ed ombre sul fronte delle importazioni di vino, anche i BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) seguono direzioni differenti. Se infatti la Cina ha messo a segno nel 2016 una crescita nei valori di import superiore al 16% rispetto all’anno precedente, la Russia appare ancora sofferente viaggiando sul filo dell’”invarianza” (o poco sotto) mentre il Brasile ha chiuso l’anno appena terminato con un leggero segno negativo a valore (-3%) ma in crescita sul fronte dei volumi (+12%), alla luce di un calo nelle importazioni di vini di fascia premium (in particolare lo Champagne, il cui import è diminuito di oltre il 40% in quantità solo nell’ultimo anno, ma quasi del 70% rispetto a cinque anni fa) . Completa il quadro l’India che continua a rimanere un mercato «marginale», con meno di 20 milioni di euro di vino importato (a cui corrispondono poco più di 41 mila ettolitri).
Alla base di queste diversità nel trend delle importazioni di vino risiedono soprattutto fattori macroeconomici“ dichiara Denis Pantini, responsabile Wine Monitor di Nomisma. “Russia e Brasile hanno chiuso il 2016 con un Pil in calo per il secondo anno consecutivo e valute locali - Rublo e Real - che, seppur in recupero dai minimi toccati rispetto all’euro (e alle altre monete “forti” come il dollaro statunitense) a fine 2015, risultano ancora sensibilmente svalutate rispetto a qualche anno fa. Senza tralasciare poi il fardello dei dazi all’entrata che, nel caso dell’India, mediamente si attestano sul 150% del prezzo all’import “ aggiunge Pantini.

Complice il calo del prezzo del petrolio – che rappresenta la principale voce dell’export del paese – iniziato nel 2014, la Russia da allora ha ridotto gli acquisti di vino dall’estero arrivando ad importare quasi il 20% dei volumi in meno. Nel caso del Brasile, l’ultimo quinquennio non evidenzia variazioni così rilevanti ma piuttosto sottende un mercato che tra alti e bassi si posiziona ormai da cinque anni in un range compreso tra gli 800 e 900 mila ettolitri di vino importato.

Scarica il comunicato stampa completo

User Login

Le informazioni contenute in questa sezione della piattaforma Wine Monitor sono dedicate ai soli utenti abbonati al Servizio Premium. Per informazioni consultare la sezione Associarsi a Wine Monitor

Newsletter

Keep up to date on Wine Monitor’s most recent news and products through the newsletter.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies